L'edizione del 2014 - AIAS Capodistria-Koper

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARTE E SPETTACOLO - CAPODISTRIA
25 anni
Vai ai contenuti

Menu principale:

L'edizione del 2014

Folkest
Mercoledì, 16 luglio 2014
Ore 21.30 Estivo Palazzo Gravisi-Buttorai (Circolo)
Edoardo De Angelis (Italia)

Venerdì, 18 luglio 2014
Ore 21.30 Piazza Carpaccio
Osanna (Italia)

Sabato, 19 luglio 2014
Ore 21.30 Piazza Carpaccio
Modena City Ramblers (Italia)










Musica di qualità per tutti i gusti nelle tre grandi serate di Folkest a Capodistria nel 2014.
Un Edoardo De Angelis ispirato, ma allo stesso tempo perfettamente a suo agio fra un pubblico numeroso ed attento, ha inaugurato, mercoledì 16 luglio 2014, la tre giorni di Folkest a Capodistria.
Accompagnato da due musicisti eccezionali che rispondono al nome di Primiano Di Biase al pianoforte e di Marco Testoni alle percussioni ha dato vita ad un concerto bellissimo ed intenso. Un menzione particolare va certamente alla giovanissima cantante che De Angelis ha voluto accanto a se in questa occasione e che è presente anche nell'ultimo disco del cantautore romano, Enrica Arcuri, una voce particolare, potente e melodiosa allo stesso tempo, una voce che qualcuno ha voluto accostare a quelle indimenticabili di Maria Carta e Edith Piaf.
Edoardo De Angelis storico cantautore da molti identificato per la sua canzone Lella, ha presentato a Capodistria la sua ultima fatica, il disco "Non ammazzate Anna". Nel brano che dà il nome ed apre il CD  racconta, appunto, di un episodio di violenza sulla donna (sia pure storia di assoluta fantasia, ispirata agli ambienti letterari di Pasolini e Gadda), decidendo di abbandonare, per il momento, il suo brano più conosciuto e di impegnare la sua attività alla diffusione di un concerto interamente dedicato alla figura ideale della donna, attraverso una serie di canzoni ispirate all’universo femminile, e alle sue caratteristiche di sensibilità, intelligenza, forza morale, coraggio, comprensione, altruismo, generosità, onestà intellettuale. De Angelis è accompagnato nel disco, oltre ai citati Primiano Di Biase, Marco Testoni e Enrica Arcuri anche da altri importanti artisti come Lucilla Galeazzi, Neri Marcorè, Amedeo Minghi, Ileana Pozzi, Annie Robert, Antonella Ruggiero.
"Non ammazzate Anna - ha scritto De Angelis - è un pensiero, l’offerta di un fiore. Per questa ragione viaggia leggero, fatto d’aria di pianoforte, di suono di parole, di sentimento di legni, pelli, metalli. Niente altro, niente più che lo accompagni. Il pensiero è d’amore, costante, fermo nel tempo, vale per sempre.”

Di tutt’altro genere, ma altrettanto intenso e fascinoso è stato il concerto degli “Osanna & David Jackson”, un gruppo rock progressivo italiano, formato a Napoli agli inizi degli anni settanta per iniziativa del gruppo Città Frontale e del fiatista Elio D'Anna. Il gruppo è stato tra le prime band rock a proporre concerti dal vivo con trucco e costumi di scena. Ad aprile 2008, con una formazione completamente rinnovata, gli Osanna entrano in studio per una nuova fatica discografica. Lino Vairetti, coadiuvato dal figlio Irvin Luca (voci e programmazione tastiere), Fabrizio Fedele (chitarre), Sasà Priore (piano e tastiere), Nello D'Anna (basso) e Gennaro Barba (percussioni) incidono il CD dal titolo “Prog Family” a nome Osanna/Jackson. Il disco è uno spunto per reincidere i classici del repertorio ma con una nuova lettura in chiave, e soprattutto con un nugolo di prestigiosissimi ospiti tra cui, appunto, David Jackson, storico sax dei Van Der Graaf Generator (da qui il titolo del CD). Nel 2012, gli Osanna "rivisitano" il disco “Milano calibro 9” in versione live, nell'ambito di due prestigiosi concerti tenuti a Kawasaki, Giappone. L'incisione di tali esibizioni costituisce la base del disco dal vivo “Rosso Rock”, pubblicato successivamente, che contiene anche due inediti, tra cui spicca il brano che dà il titolo al disco. E tutto questo a Capodistria si è potuto “toccare con … orecchio”…

A chiudere in bellezza Folkest Capodistria 2014 sono stati Modena City Ramblers. Attivi dal 1991, i Modena, (noti anche con l’acronimo Mcr), hanno sempre definito il loro genere musicale come combat folk, dichiarando sin dall'esordio un amore incondizionato per il folk irlandese, le cui sonorità rimangono anche dopo l'influenza di altri generi, in particolare il rock con contaminazioni punk. Episodio saliente negli anni più recenti della loro lunga vita artistica è il tour del 2012 denominato “Busker Tour”, che ripropone tutti i pezzi del gruppo che sono stati suonati raramente (alcuni addirittura mai). I brani in scaletta sono stati scelti dai fan stessi della band tramite un apposito sondaggio sul sito ufficiale. “Niente di nuovo sul fronte occidentale” è il loro tredicesimo album in studio (gennaio 2013). È un doppio cd caratterizzato da un lato A e un lato B (per ricordare i vinili) denominati rispettivamente "Niente di nuovo" e "Sul fronte occidentale". Mentre il lato A ha un suono più elettrico e aggressivo, il lato B è un ritorno alle poetiche ballate dei primi tempi. Nella formazione si può notare l'abbandono di Luciano Gaetani (presente però in qualche canzone) e la collaborazione di Daniele Contardo, ex rambler. Il 15 marzo 2014, in occasione delle festività di San Patrizio organizzate dall'Estragon di Bologna ("Irlanda in Festa"), i Modena City Ramblers danno il via al VENTI tour. Si tratta del tour per festeggiare i vent'anni dall'uscita (nel 1994) di “Riportando tutto a casa”, oltre due ore di buona musica ed intense emozioni con l’ultimo album, condito ovviamente dai grandi successi di questo ventennio e dalle canzoni di lotta che hanno reso celebre i Modena City Ramblers ben al di là dei confini nazionali.
Creato da RobCo con WebSite X5 v13 © 2016
INDIRIZZO

Capodistria-Koper
Associazione Italiana Arte e Spettacolo
Via Oton Župančič, 39
6000 Capodistria
SLOVENIA

Dove siamo


Telefono + 386 41 866-781 / 41 866-783
Email aias@t-2.net
Torna ai contenuti | Torna al menu