AIAS Capodistria-Koper

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARTE E SPETTACOLO - CAPODISTRIA
Vai ai contenuti
PARTITA LA QUARANTESIMA EDIZIONE DI Folkest
Primo appuntamento giovedì 21 giugno, nella giornata del solstizio d’estate e in coincidenza con la “Festa europea della Musica”, a Domanins (S. Giorgio della Richinvelda) con il gruppo irlandese Mag Mell.
Chiamati ad esibirsi quest’anno artisti molto differenti tra loro: così Folkest, vuole festeggiare il traguardo dei suoi primi quarant’anni, con una carovana multicolore che si sposta di villa in villa, di castello in castello, da un borgo rustico all’altro, visitando luoghi della memoria delle nostre genti e valorizzando tutta quella musica che, al di là dall’essere tecnicamente folk, world, jazz o cantautorale, pura o contaminata, sappia dare voce alle radici culturali di qualsiasi parte del mondo, in un susseguirsi di canti provenienti dalla Magna Grecia alla Scozia, dalla Bielorussia all’Irlanda, dalla Sicilia alla Svezia. Un sentiero di conoscenza, una lunga cavalcata attraverso alcune delle più belle località della regione, dove non mancheranno le sonorità e le melodie di ispirazione celtica, così come le musiche di confine, dal manouche al balcanico, al klezmer, al blues, con un’attesa finestra sul folk-metal.
Ma Folkest da oltre un quarto di secolo è presente anche a Capodistria che è divenuta uno dei pilastri portante di ogni edizione del festival, che quest’anno proporrà tre appuntamenti: il Progetto Arsenale, produzione speciale dedicata alle musiche del Mediterraneo veneziano; la mitica formazione bosniaca Mostar Sevdah Reunion e il vecchio leone Shel Shapiro. Capodistria ospiterà però anche un altro appuntamento divenuto tradizionale, Folkest sotto l’ulivo in collaborazione con TV Capodistria, che a inizi settembre vedrà esibirsi il gruppo di Massimo Bertinieri (in arte Stona).
Il meteo a Capodistria












Piazza Carpaccio
Uno degli scenari dei concerti di Folkest a Capodistria
_________________________________

La Piazza è impreziosita dalla colonna di Santa Giustina, da una vera da pozzo a forma di capitello, da Casa Carpaccio dove visse ed operò l'illustre pittore veneziano ed è chiusa , verso il mare, dall'antico magazzino del sale di San Marco, oggi denominato Taverna.
Alcuni momenti dell'edizione 2017 di Folkest a Capodistria
_MG_9239.jpg
_MG_0053.jpg
_MG_9283.jpg
_MG_9724.jpg
_MG_9310.jpg
_MG_9878.jpg
_MG_9948.jpg
_MG_0001.jpg
_MG_9643.jpg
_MG_5969.jpg
_MG_6231.jpg
Creato da RobCo con WebSite X5 v13 © 2016
INDIRIZZO

Capodistria-Koper
Associazione Italiana Arte e Spettacolo
Via Oton Župančič, 39
6000 Capodistria
SLOVENIA

Dove siamo


Telefono + 386 41 866-781 / 41 866-783
Email aias@t-2.net
Torna ai contenuti